REPARTO (E/G) 2012-13-14 - Sito della Parrocchia Sant'Andrea di Cordovado PN

Vai ai contenuti

Menu principale:

REPARTO (E/G) 2012-13-14

SCOUTS > ARCHIVIO


Da 12 a 16 anni si è Esploratori e Guide, riuniti nel Reparto.



A.G.E.S.C.I. Guado 1 "Reparto Esploratori/Guide"

________________________________________________________


SQUADRIGLIA PANDA

Sabato 5 domenica 6 aprile 2014 Missioni di Squadriglia!!!
... di seguito gli articoli scritti dalle squadriglie in merito alle loro missioni.


SQUADRIGLIA PANDA

Sabato 5 aprile alle ore 15:15 tre membri della SQ Panda: Chiara, Silvia e Irene hanno iniziato la loro missione. Lo scopo era raggiungere il paese di San Paolo per poi recarsi il giorno dopo a pulire una zona del Tagliamento. Abbiamo raggiunto il posto alle 16:00 e siamo state accolte dalla gentilissima signora Elisa. Ci siamo accampate con la nostra tenda montata in 45 minuti. Abbiamo passato il resto del pomeriggio a rincorrere un coniglio trovato per caso. Irene ci ha abbandonate dopo cena. La mattina seguente le due componenti rimanenti hanno smontato la tenda in 10 minuti scarsi e successivamente con l'aiuto di una squadrigliera mancante (Ursula) abbiamo pulito una bella zona di Tagliamento e abbiamo riflettuto sullo scarso rispetto che la gente ha di quei bei posti. Abbiamo concluso la mattinata prendendo il sole per un paio di minuti per ricaricare la nostre batterie. Siamo tornate a casa e abbiamo raccontato questa bella esperienza a chiunque.

SQUADRIGLIA TARTARUGHE


SQUADRIGLIA TARTARUGHE

Alle 15.15 di sabato 5 aprile le Tartarughe, ovviamente puntuali, si sono presentate ai capi reparto che hanno consegnato loro le dovute indicazioni. Il posto in cui andare a dormire, purtroppo, era il giardino di casa della capo squadriglia in cui le ragazze (Maddalena, Annalisa, Elena) sono riuscite a montare la tenda in soli 40 minuti, un nuovo record!!! Dopo essere andate alla messa del paese (Teglio Veneto) si sono cibate e hanno socializzato con “gli sconosciuti” individui della casa. Sono andate a dormire prima di tutti gli altri giorni della settimana, pronte per l'avventura del giorno seguente. La missione consisteva nel raggiungere Mario ai prati delle Pars e costruire una staccionata rimovibile per impedire il passaggio ad uno dei prati. Fortunatamente un'altra squadrigliera, Francesca, ci ha raggiunto in mattinata. Il lavoro, secondo il nostro parere, era magnifico, manca solo l'apposizione di una targhetta per indicare il nome delle lavoratrici. Il divertimento non è mancato, è stata una bella avventura.

SQUADRIGLIA AQUILE


SQUADRIGLIA AQUILE

Si sono svolte lo scorso week end (5-6 aprile) le missioni di squadriglia del reparto Aurora. I ragazzi del reparto divisi in squadrglie: Aquile, Castori, Tartarughe e Panda hanno dovuto trascorrere una notte dormendo fuori casa e svolgendo ognuna il compito loro assegnato. Le Aquile, al completo (Giacomo, Harsh, Luca, Samuel, Paolo) sono partire alla volta di Sesto al Reghena alle 16.00 del pomeriggio, per giungervi, attraverso Stalis, alle 17.00 circa. Parcheggiate le bici ci siamo messi immediatamente al lavoro per piantare la tenda per la notte. Dopo un'ora la tenda, tra le migliori mai montate ad onor di cronaca, era pronta e la sq. Aquile ha preso parte alla messa nella splendida abbazia di Sesto al Reghena. Dopo la cerimonia c'è stata la lauta cena in riva al fiume mangiando la colomba offerta da Samuel. Infine verso le 22.00 tutti in tenda, tra chi voleva chiacchierare e stare sveglio fino alle 5.00 e chi voleva godersi il meritato riposo. Il giorno seguente ci siamo svegliati prestissimo, alle 7.00, in modo da smontare la tenda in tempo e gustarsi una colazione abbondante avvolti in una tra le prime brezze primaverili. Alle 9.00 abbiamo lasciato il parco dell'abbazia per dirigerci al lago Premarine dove abbiamo svolto la nostra missione: ripulire dai rifiuti la passeggiata che conduce al lago. La mole di spazzatura e schifezze è stata davvero impressionante! 6 sacchi di roba consegnati alla piazzola ecologica. L'uscita si è conclusa dopo tre ore di lavoro con il ritorno in bici alle proprie case.

________________________________________________________


Campo Estivo - 2013

Questo agosto, dal 6 al 17, si è svolto a Collina di Forni Avoltri il campo estivo del Reparto Aurora del gruppo scout AGESCI Guado 1, a cui hanno partecipato sei ragazze e otto ragazzi tra i tredici e i sedici anni.
Accompagnati da un bellissimo panorama, circondati dalle montagne e talvolta un po’ infreddoliti dal clima per niente tropicale, abbiamo potuto fare molte attività calandoci nel periodo storico del “Risorgimento”, con particolare attenzione ai passaggi storici che hanno condotto all’unità d’Italia e che ci hanno permesso di elaborare una Costituzione adatta al nostro campo. Non sono di certo  mancate le camminate, tra cui la scalata al Monte Coglians (riservata solo ai più grandi, mentre il resto del Reparto ha percorso un anello per casera Plumbs, il M. Floriz, e il rifugio Marinelli), al lago di Volaia con prove tecniche lungo il percorso, e una con pernottamento in cui eravamo separati per sesso: tutte le ragazze alla casera dei Monte dei Buoi, mentre i ragazzi a casera Vas… Grande è stata la soddisfazione per le mete raggiunte e tanta la fatica, compensata però dalla bellezza dello stare insieme condividendo pasti, zaini e l’immensa bellezza dei paesaggi.
Dopo la solita fase di montaggio di tutto l'occorrente: le palafitte su cui alzare le tende, i servizi igienici, i lavandini, tavole, panche, alzabandiera e portale, ogni giorno seguente non è mai stato banale, scontato; per questo dobbiamo anche ringraziare i capi che hanno organizzato per noi sempre nuove esperienze: arrampicata, veglia sotto le stelle, giochi di abilità, gara di cucina, giornata di lavoro in malga con le mucche, riflessioni diverse in base al giorno, oltre naturalmente agli imprevisti, come quando un temporale con vento molto forte ha strappato due tende che abbiamo dovuto riparare con ago e filo e rimontare...
Le Squadriglie (Tartarughe quella femminile, Falchi quella maschile) si sono dovute gestire singolarmente la palafitta, la tenda e soprattutto la “cucina” del campo preparando piatti da professionisti, facendo concorrenza ai maggiori Chef internazionali.
Le Tartarughe anche quest’anno hanno vinto la fiamma (simbolo del reparto) e ciò si è potuto notare dalle urla di gioia e soddisfazione per aver raggiunto un obiettivo che si erano imposte durante l’anno: infatti anche se il campo  estivo è stato aggiudicato ai Falchi, il bottino di punti che avevano accumulato le ragazze nelle attività svolte durante l’anno ha permesso loro la vittoria della fiamma.
Il campo estivo è sempre un’ottima occasione per consolidare i rapporti all’interno del gruppo, conoscendoci di più e imparando a convivere insieme, accettandoci e imparando a discutere nei momenti di difficoltà, condividendo le proprie emozioni e pensieri, avendo la possibilità di intraprendere esperienze nuove, particolari e che probabilmente non sperimenteremmo al di fuori dello scautismo.

________________________________________________________


Tutta la cittadinanza è invitata a:
DONNE vs UOMINI:  FACCIAMO PARI?


________________________________________________________


Muinta - 2012

Anche quest’anno il campo degli scout del gruppo Guado 1° è andato a buon fine. Il campo si è svolto in val Tramontina, località Muinta sulle rive del lago di Redona, che gli Esploratori e Guide (E/G) hanno sfruttato prontamente con le canoe per divertenti uscite sul pelo dell’acqua, terminate tutte con successo. Certo, un posto così splendido gli E/G se se lo sono dovuti guadagnare fin dal primo giorno: infatti è stato necessario trasportare pali, tavoli, corde, cassoni, e ancora pali, pali, pali, assi, tende, stufe e bidoni tra sentieri, scalini, un ponte sospeso e interminabili su e giù… si è rivelato un inizio  molto  impegnativo, anche per i genitori che hanno contribuito al trasporto e che non smettiamo di ringraziare! I nostri scout, dopo aver costruito le palafitte su cui hanno montato le loro tende, al campo ne hanno viste proprio di tutti i colori: non solo i soliti giochi o sfide, hanno avuto l’ occasione di fare importanti esperienze riguardo l’ospitalità e la condivisione dei propri pensieri e riflessioni. Non sono mancate le avventure, come le camminate, in cima al Monte Rest per tutto il reparto, la caccia al tesoro in canoa per tutto il lago orientandoci con le bussole, bagni al lago e tuffi dal molo, gare d’alta cucina scout, sfide al riconoscimento degli alberi, cucina alla trapper (si cucina senza utensili e utilizzando le braci), giochi notturni e, per finire, la salita al M. Raut dal lago di Selva che noi dell’Alta Squadriglia (i più grandi: Samuele, Andrea, Maria Cristina, Riccardo) ricorderemo sicuramente a vita: più di 1500 metri di dislivello in salita, una piacevole notte in casera, le particolari forme delle rocce carsiche su cui siamo saliti, la difficoltà di passare attraverso le macchie di pini mughi ed un temporale in discesa che ha messo alla prova il nostro sangue freddo e la capacità di affrontare gli imprevisti.
Essendo quello di quest'anno un campo di Gruppo, si sono vissute anche attività con i lupetti (8 – 12 anni) e i rover e le scolte (i nostri fratelli più grandi, 17 – 20 anni), ritornati rispettivamente dalle vacanze di branco e dalla route (campo mobile) ugualmente entusiasti dopo la chiusura finale fatta tutti insieme.
Il campo era ambientato sui naufraghi. Al campo E/G erano naufragati degli agenti segreti sotto copertura, alcune ladre di quadri francesi e una allegra compagnia di vecchietti in vacanza (i Capi). Dopo non molto, sono naufragati anche i lupetti, e dopo aver cacciato gli aborigeni, i naufraghi si sono imbattuti in Roger, uno sfortunato pilota che aveva perso la memoria. Dopo il ritrovamento della radio di bordo, la provvidenziale botta in testa che ha fatto tornare la memoria a Roger e la ricostruzione del suo caricabatterie artigianale… i naufraghi hanno finalmente potuto chiamare i soccorsi!
Una cosa singolare ha caratterizzato la “fuga” verso casa degli E/G: il trasporto dei materiali del campo via lago! Tutto ciò grazie alla collaborazione di un baldo giovane che ha prestato al reparto un motore fuoribordo che gli scout hanno fissato alla zattera già presente per il trasporto dei soliti pali, cassoni, casse, assi, travi ecc. Non si era mai fatta una cosa simile nella storia del Guado! Dunque ringraziamo nuovamente il gentile fornitore del motore, e tutti i “rinforzi” che sono arrivati per dare una mano nel trasporto, poi, anche i proprietari del campo e  tutti i capi. Ebbene anche quest’anno MISSIONE COMPIUTA!
Samuele, Capo Squadriglia Aquile.

Scarica il pdf

________________________________________________________


Torna ai contenuti | Torna al menu