Eventi 2016-17 - Sito della Parrocchia Sant'Andrea di Cordovado PN

Vai ai contenuti

Menu principale:

Eventi 2016-17

CARITAS


FEBBRAIO CARITAS  2017

Gli operatori CARITAS di Cordovado, uniti ad altri volontari venuti in rappresentanza delle Parrocchie delle Foianìa di S. Vito e uniti ai propri parroci, hanno partecipato ad un corso di formazione e studio sviluppato in tre distinte serate. Una cinquantina di operatori sociali che operano nell'ambito del volontariato si sono ritrovati presso l'oratorio sanvitese.

I temi affrontati:
  1.  Identità Caritas Parrocchiale - Relatore don Davide Corbo, direttore Caritas Diocesana
  2.  Ascolto: cuore dell'azione caritativa - Relatrice Adriana Segato, responsabile Cda Diocesana
  3.  Proposte operative per la Parrocchia Relatrice Monica Battel.
Questi tre incontri sono serviti a conoscere meglio gli impegni delle singole Caritas Parrocchiali e per giungere ad un nuovo coordinamento dell'attività nell'ambito della forania e l'apertura del centro di ascolto nelle città di S. Vito.
Un progetto della Caritas Diocesana a seguito dell'inoontro di S. Vito, che coinvolgerà altre foranie e realtà diocesano nell'assistenza Caritas, seguirà le tre serate Sancitesi, organizzate così:

1° Incontro: L'INNO ALLA CARITA', nell'Amoris Laetittia di Papa Francesco - Mons. Oriolo
Marson (Vicario Generale, Vicario Episcopale per la Cultura e il Sociale e Moderator Curiae.
Come di consueto, punto di partenza dei nostri percorsi formativi è la Parola di Dio, fonte di
ispirazione per il nostro operato.

2° Incontro: COSA VUOL DIRE COMUNITA' Stefano Carbone, psicologo di comunità, formatore, collabora con l'Ambito di Azzano e con l'Ambito di Udine. L”importanza del senso di comunità, dell'avere relazioni significative, di poter avere un ruolo nella comunità. “Quanta comunità” c'è oggi?, in che modo è possibile coinvolgere le persone e favorire un maggiore senso di comunità?

3° Incontro: IL LAVORO DI RETE- Stefano Carbone
L'importanza della rete di relazioni, sia dal punto di vista delle singole persone, sia da quello delle realtà organizzate.
Cosa significa avere una buona o cattiva rete di relazioni? A quali bisogni puo rispondere? Come unziona una rete.

4° Incontro DAL DIRE AL FARE - Stefano Carbone
A partire dalle riflessioni emerse negli incontri precedenti, si cercherà di tracciare insieme delle “piste di lavoro”, per provare a delineare un piano di azione atto a migliorare l'operatività delle Caritas parrocchiali, sia rispetto al lavoro con la singola persona, sia a livello organizzativo interno.



La Caritas parrocchiale, di Cordovado, mentre si sta organizzando le tradizionali manifestazioni ed incontri in preparazione alla S. Pasqua, (Settimana della carità ecc.), ringrazia la generosità dei cordovadesi che contribuiscono alla preparazione delle “Borse alimentari” con le loro donazioni di cibo a lunga conservazione. GRAZIE
Grazie anche per il contributo donato nell'acquisto del Calendario Caritas 2017, le copie a disposizione si sono esaurite in meno di tre settimane.

A Cordovado, Mercoledì I marzo ore 17, in via castello 14 - PENSIERI MGRANTI Un'iniziativa promossa Dall'Univarsita degli studi di Trieste e realizzata con il contributo della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia.
Gli incontriapcrti al pubblico, dal titolo “Farespazio. Migranti esuli e rifugiati di ieri e di oggi" si terrà in cinque distinti città o paesi: TRIESTE, SPILIMBERGO, UDINE, CORDOVADO, ROSAZZO.

A CORDOVADO i Relatori sono:
MARIA RITA PARSI - psicoterapeuta membro del COMITATO ONU per i diritti dei/delle Fanciulli/e
ANNA LORETONI- Filosofia Politica, Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa
ARMANDO SAVIGNANO - Filosofo, Università di Trieste

Quale educazione? Questioni di genere e cura dei minori
Questo incontro ha il privilegio di svolgersi all'interno di un borgo, le cui origini risalgono all'XI secolo e rimandano a insediamenti romani e preistorici. In un luogo ricco di storia ci interroghiamo
sulle sfide etiche del presente. le questioni di genere e di vita dei minori che i flussi migratori introducono in Europa.
Molti sono i modi della cura e dell'educazione, a partire dal momento della nascita, delle celebrazioni delle feste e dei riti di passaggio, che definiscono anche diversi ruoli sociali e differenti destini per il femminile e il maschile. Paure e contraddizioni mostrano drammi e ingiustizie inaccettabili, soprattutto per le donne, per le bambine e i bambini degli stati più moseri.
La ricerca di rapporti vitali costitutici che si favoriscono reciprocamente, sta alla base di una convivenza pacifica e multiforme, cioè giusta, tutta da costruire.

Caritas Nazionale ed internazionale
Non emigranti, ma viaggiatori, questo è il titolo che appare sul rapporto italiani nel mondo del 2016 edito dal settore emigrazioni della Chiesa italiana. Quasi 5 milioni di italiani che vivono all'estero (molti dei quali posseggono il doppio passaporto) di questi 110 mila sono espatriati dall'Italia Mnell'ultimo anno Si tratta nella maggior parte dei casi di giovani laureati che trovano lavoro all'estero.

La stagione della paura
L'inverno delle popolazioni terremotate del centro Italia è stato un incubo. Nuove violente scosse, gelo polare, nevicate record: la natura sembra accanirsi su territori profondamente dissestati. Occorre condividere: Caritas intensifica i programmi di aiuto...

Il popolo degli sradicati,
65 milioni di “forzati” Mai così tanti, nel mondo, dalla seconda guerra mondiale. Il triste primato raggiunto tra il 2015 e 2016: la Siria il paese con maggior numero di rifugiati, la Turchia quello con più “ospiti”.

Gioco d'azzardo.
In un decennio è diventato una delle grandi industrie d'Italia. Ma non rende allo stato, intasse, quanto ci si aspetterebbe. E dietro di sé lascia una scia di vittime, per le quali è difficìle trovare percorsi di cura: giocatori compulsivi a rischio, famigliari sofferenti.

___________________________________




FILM e CALENDARIO
ATTIVITA” della CARITAS PARROCCHIALE


Quando la terra chiama”. Venerdì sera 25 novembre presso la sala proiezioni del “Centro Mainardi” è stato proiettato il film “quando la terra chiama” del regista friulano Massimo Garlatti Costa da Forgaria. Si tratta di un lavoro edito su iniziativa dell'Ente Friuli nel Mondo, per ricordare i 40 anni dal terremoto, lavoro già andato in onda su RAI International e presto sarà proiettato sulle reti nazionali RAI. Un ricordo importante per non dimenticare e per ricordare la tragica storia di quei avvenimenti alle nuove generazioni. Il film mostra i difficili giorni nei paesi terremotati, ritornando oggi a visitare i luoghi della ricostruzione. Una rinascita, avvenuta anche in parte con l'impegno e l'aiuto dei friulani, che vivono in tutto il mondo. Non solo vi furono iniziative dei singoli circoli friulani, ma essi hanno coinvolto anche le istituzioni e le popolazioni delle nazioni ospitanti. Ecco perché ancor oggi le case offerte ed organizzate da alcuni paesi (che si sono avvalsi della collaborazione dei nostri Fogolars), sono ancora ben preservate ed abitate, ed interi quartieri, portano il nome di chi ha generosamente contribuito. (Via Canadà, Via Moluse, - cittadina francese - Via Australia ecc.). Anche il Fogolar di Londra contribuì alla ricostruzione della casa di riposo di Fanna/ Cavasso N./Sequals con l'incasso di una cena organizzata per l'occasione, che vide la partecipazione di personalità del Regno Unito e di oltre mille convenuti. Nelle immagini dei reportages dell'epoca appaiono Bruno Vespa e Gianni Minà, che, ancor oggi, in specifiche interviste, appaiano nel film, citando quei giorni e ribadendo oggi l'apprezzamento per il popolo friulano.

La serata è stata guidata dal dott. Luigi Papais esperto di problemi di emigrazione, che, con il suo intervento introduttivo e nel dibattito finale, ha mostrato ogni aspetto riguardante il terremoto e la ricostruzione evidenziando anche l'impegno della Chiesa, dei suoi Vescovi e sacerdoti che mai hanno lascito soli i terremotati.




CALENDARIO CARITAS - Edizione 2017
  Clicca e vedi nel formato pdf

Verrà presentato la sera del 30 novembre, in occasione delle celebrazioni in onore a S. Andrea Apostolo, patrono di Cordovado, la quarta edizione del tradizionale calendario sarà in distribuzione per tutto il periodo, che precede il Santo Natale. Per le precedenti edizioni si utilizzarono soggetti diversi: immagini cittadine nella prima edizione, parte nella Chiesa del Santuario della Madonna, nella seconda il palio dei rioni nella terza. Per quest'ultima invece si è pensato di dedicare le immagini all'acqua. Un'opportunità per mostrare le fontane e le acque anch'esse parte del nostro “borgo bello d'Italia”. Le 14 illustrazioni inserite nelle pagine dei 13 mesi illustrati, sono dedicate alle fontane di Saccudello, di Piazza Tiglio, dell'Asilo, di Suzzolins, alla vecchia e nuova fontana cittadina, e quella di Venchiaredo, nonché le acque del Ligugnana, del Paker e dei mulini di Stalis. A ricordo di una iniziativa della Caritas è stata altresì illustrata la “Fonte Cordovado” costruita in Africa con una notevole somma, ricavata da un concerto organizzato nel duomo vecchio, nel 2011 proprio a questo scopo.

Copie del calendario, sono a disposizione (offerta minima Eur 3.00) in Duomo o presso la cooperativa di consumo di Via Roma.


___________________________________


Autunno Caritas

Terminato il periodo estivo, la Caritas Parrocchiale, si appresta a programmare l'attività autunnale in preparazione al SANTO NATALE, momento di impegno religioso di solidarietà.
Un caloroso e sentito ringraziamento a tutti coloro che hanno sostenuto le nostre iniziative, in particolare a chi ha contribuito alla raccolta di generi alimentari parrocchia e COOP di Cordovado).
  • Agli inizi di maggio, presso il santuario Mariano della nostra parrocchia, organizzato dalla Caritas, il Maestro d'organo MARCO BIDIN, ha tenuto il tradizionale concerto a sostegno dell'iniziativa (da anni in corso), a favore del BABY HOSPITAL di Betlemme. La somma di oltre 200.00 Euro raccolta verrà inviata alla struttura ospedaliera per Bambini che opera in Terra Santa. Un ringraziamento al Maestro e all'Associazione culturale ALEA.
  • L'annuale raccolta di indumenti usati, avvenuta quest'anno il 15 maggio, ha avuto come negli anni passati, un esito molto positivo. TI "Container", riempito con la partecipazione delle parrocchie limitrofe, di Morsano e Bagnarola, ha portato enorme beneficio all'iniziativa e beneficio alle casse della Caritas Diocesana.
          GRAZIE
  • La Compagnia Teatrale Cordovadese, "Dateci un Palco", in collaborazione con la Pro-Loco e la nostra CARITAS, ha presentato in più occasioni, commedie e serate di intrattenimento presso il Teatro dell'Oratorio Parrocchiale. Ultima iniziativa, è stata una replica della commedia "Da Galeno a ... Galera", di Roberto Zanin, tenuta al Bar da Giuliano di Cordovado il 5 agosto. Le varie serate, hanno portato offerte utili per il proseguo dell'assistenza della Caritas. Agli interpreti e partecipanti, grazie.
______________________________________________________

Terremoto Centro Italia
Anche la Caritas Diocesana di Concordia-Pordenone si è attivata per raccogliere fondi in favore delle popolazioni del Centro Italia colpite dal terremoto del 24 agosto. La raccolta risponde all'appello della CEI, che ha disposto l'immediato stanziamento di 1 milione di euro dai fondi 8x1000 e ha indetto una colletta nazionale per domenica 18 settembre. In queste prime fasi di emergenza non è possibile recarsi sul posto per fare volontariato, né inviare beni materiali. Si può essere d'aiuto aderendo alla raccolta fondi. Entra per sapere come contribuire e per scaricare i comunicati di Caritas Italiana.
______________________________________________________

Sabato 21 maggio 2016
la Caritas parrocchiale passerà per le vie del paese per la  tradizionale raccolta di "indumenti usati".
(Sia esso usato, che in non condizioni perfette)
E 'un progetto questo, che vede impegnate tutte le parrocchie della Diocesi e il "raccolto", verrà gestito dalla Caritas Diocesana.

Come funziona la raccolta
Alcuni giorni prima, i volontari della Parrocchia passeranno per depositare nelle singole abitazioni i "Sacchi Gialli"
per la raccolta stessa (Si accettano comunque altri sacchi, in particolare quelli di uso domestico).
Quanto da Voi predisposto va messo sulla strada, di fronte alla Vostra abitazione, NON PRIMA DELLE ORE 12 di Sabato in modo che i Volontari Caritas passino per la raccolta.
Va altresì segnalato, che è possibile portare direttamente gli indumenti nel Container, sistemato in un area messa gentilmente a disposizione dalla Famiglia Sclabas, zona via villa.
Grazie per la collaborazione.
Torna ai contenuti | Torna al menu